Un po’ di chiarezza sulle lenti e loro impiego

Gitarella fuori porta… con amici… prendo la reflex nuova fiammante, facendo anche un po’ il figo nonostante sia impostata su “AUTO”, e comincio a scattare in modalità “mitragliatore d’assalto” a qualsiasi cosa.

Risultato: porto a casa un milione di primi piani scattati con il grandangolo con soggetto inquadrato perfettamente in centro, neanche fossero foto segnaletiche…

Nel frattempo, l’altro amico si dedica con ardore ad improbabili macro ad insetti, scattate con un teleobiettivo da 10 cm di distanza, ed arrabbiandosi perché la macchina non mette a fuoco… Signori… facciamo due chiacchiere… cominciando dagli obiettivi.

Fisheye:una lente particolare, con un ampio angolo di ripresa (circa 160°). Ci fornisce quelle classiche immagini “a barilotto”.

Grandangolo:beh, lo dice già il nome… ci serve ovviamente per catturare immagini quanto più panoramiche possibili.

Normale:cioé una lente che ci consente di riprendere immagini più o meno come le vede il nostro occhio.

Teleobiettivo:per riprendere immagini dalla distanza. Può essere medio, normale o “super”, a seconda di quanto è “lungo”.

Lezione3

 

PER I RITRATTISTI:abbiamo bisogno di un teleobiettivo. Ebbene si. Se vogliamo “rubare” qualche espressione naturale, senza essere invasivi, dobbiamo stare lontano dal soggetto. Ben inteso, possiamo anche ottenere un buon ritratto con un 50 mm (o “normale”), per carità… ma dobbiamo stare appiccicati al soggetto. Mettiamoci a debita distanza, inquadriamo, decentriamo il soggetto dando “spazio” alla direzione in cui sta guardando… e il gioco è fatto!

 

PER GLI AMANTI DELLA NATURA:un obiettivo MACRO è indispensabile per fiori ed insetti. In alternativa, alcune macchine hanno la modalità MACRO (icona a forma di fiorellino, per intenderci…). Andiamo vicini vicini al soggetto e scattiamo. Per chi vuole fare del birdwatching o simili, è necessario un teleobiettivo, per ovvi motivi!

 

PER I PAESAGGISTI:è d’obbligo possedere una focale grandangolare, per catturare quanto più paesaggio è possibile. Ma anche con una lente “normale” si possono portare a casa delle immagini degne di nota.

 

Insomma… purtroppo ogni campo di applicazione ha bisogno di lenti “ad hoc”, ma questa è un’altra affermazione da prendere con le pinze. In fotografia ci sono un sacco di opzioni che ci permettono risultati creativi anche e soprattutto uscendo dagli schemi.

Si trovano in commercio alcune lenti che offrono un ampio campo di applicazione, come ad esempio i 18-200mm. Andiamo da grandangolare a teleobiettivo, quindi possiamo utilizzarle per fare “un po’ di tutto”. Chiaramente un obiettivo specifico è di tutt’altra qualità rispetto a questi “polifunzionali”, e scopriremo il perché strada facendo…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *